ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Qualificare lo scambio di calciatori come permuta ha impatti rilevanti

«Raccomandazioni contabili» della FIGC da integrare sul tema al fine di salvaguardare l’uniformità di comportamento da parte di tutti i club

/ Fabrizio BAVA

Mercoledì, 12 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il tema della rappresentazione contabile delle operazioni incrociate o a specchio è diventato di attualità dopo la delibera Consob n. 22482/2022, in cui l’Organismo di Vigilanza ha contestato la policy contabile fino ad allora adottata per tali operazioni dalla Juventus. Secondo la Consob, nella disciplina degli IAS/IFRS, gli scambi di due o più giocatori non devono essere considerati operazioni indipendenti, bensì permute, in applicazione del principio della prevalenza della sostanza sulla forma. La Juventus, invece, aveva sempre considerato tali operazioni, per cui vengono stipulati due distinti contratti, come due operazioni distinte e autonome, cioè una cessione e un acquisto.

La qualificazione degli scambi come permute comporta conseguenze rilevanti, poiché lo IAS 38 (§§ 45-47) richiede

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU