X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Stabile organizzazione ai fini IVA: quale forza attrattiva?

/ Marco PEIROLO

Giovedì, 8 aprile 2010

x
STAMPA

La circolare ABI, commentata nell’articolo “Sulla territorialità IVA niente sanzioni fino al 19 febbraio 2010” pubblicato ieri, ricorda che la proposta di Regolamento approvata dalla Commissione europea il 17 dicembre 2009 definisce, tra le altre cose, gli aspetti che il prestatore deve valutare per stabilire se i servizi resi siano diretti alla stabile organizzazione o alla casa madre.
Va, tuttavia, aggiunto che la stabile organizzazione, oltre ad essere destinataria di servizi, può anche partecipare – dal lato attivo – all’effettuazione di cessioni di beni e prestazioni di servizi. Oltre, quindi, all’art. 28 (per il lato passivo), espressamente richiamato dalla circolare, non deve essere dimenticato l’art. 56 della proposta di Regolamento (per il lato attivo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU