X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’IVA sugli immobili che cambiano destinazione d’uso

/ Enrico ZANETTI

Sabato, 10 aprile 2010

x
STAMPA

Nel caso di cambio di destinazione d’uso di un immobile, il trattamento IVA dei lavori di ristrutturazione e della successiva cessione del bene deve seguire la natura oggettivo-catastale dell’immobile quale esistente al momento in cui le operazioni vengono compiute.

Questo significa che, nel caso di immobile strumentale che viene ristrutturato per “trasformarlo” in immobile a destinazione abitativa:
- l’IVA assolta sui lavori di ristrutturazione (prima dell’ottenimento del cambio di destinazione d’uso cui i lavori sono funzionali) non è oggettivamente indetraibile ex lettera i) del comma 19-bis1 del DPR 633/1972, ivi compreso il caso in cui si abbia sin dal principio la certezza del fatto che, per effetto dei lavori di ristrutturazione, l’immobile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU