X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

I principi di contabilizzazione delle fusioni inverse

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 20 aprile 2010

x
STAMPA

Una particolare tipologia di fusione è quella che si realizza mediante l’incorporazione di una società controllata con la sua controllante, secondo modalità che prevedono però l’incorporazione della controllante nella controllata, anziché la “classica” incorporazione della controllata nella sua controllante.
Si parla in questo caso di “fusione inversa”.

Dal punto di vista della corretta rappresentazione contabile di un’operazione di fusione inversa, il documento OIC n. 4 (§ 4.6.2) sottolinea opportunamente come il principio cardine da cui partire sia quello della prevalenza della sostanza sulla forma.
In ossequio a tale principio, il documento OIC n. 4 (§ 4.6.2) afferma che “poiché la fusione diretta e la fusione inversa costituiscono due modalità

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU