X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Anche le aree scorporate nel test delle società di comodo

/ Enrico ZANETTI

Sabato, 15 maggio 2010

x
STAMPA

Per il “test di operatività”, previsto dalla disciplina sulle c.d. “società di comodo”, il costo dei fabbricati deve essere assunto tenendo conto anche del costo riconducibile alle aree sottostanti.
L’art. 30 della L. 23 dicembre 1994 n. 724 reca una disciplina finalizzata alla disincentivazione del ricorso all’utilizzo dello strumento societario come schermo per nascondere l’effettivo proprietario dei beni, avvalendosi delle più favorevoli norme dettate per le società.
I soggetti che rientrano nell’ambito di applicazione della disciplina recata dall’art. 30 della L. 724/1994 devono verificare se superano il “test di operatività”, procedendo ai relativi calcoli secondo le modalità stabilite dai commi 1 e 2 della richiamata disposizione.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU