X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Scissione seguita da cessione delle partecipazioni non per forza elusiva

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 6 agosto 2010

L’utilizzo di una operazione di scissione proporzionale, come strumento mediante il quale scorporare un complesso aziendale, al fine di cederlo poi sotto forma di partecipazioni societarie nella società beneficiaria (o scissa) cui il complesso aziendale è stato attribuito (lasciando, scorporando il resto), non pare potersi connotare come condotta elusiva ai fini delle imposte sul reddito.

La prassi dell’amministrazione finanziaria, in verità, ha opinioni diverse in proposito.
In occasione, ad esempio, della risoluzione n. 256/E del 2 ottobre 2009 , l’Agenzia delle Entrate ha bollato come elusiva una scissione seguita dalla cessione delle partecipazioni nella società beneficiaria, nonostante a quest’ultima fosse stato attribuito un complesso aziendale funzionante e non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU