X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Esclusa la divisione endoesecutiva dalla mediazione obbligatoria

Il relativo giudizio rientra fra i procedimenti incidentali di cognizione

/ Roberta VITALE

Lunedì, 30 maggio 2011

x
STAMPA

L’ordinanza del Tribunale di Prato del 9 maggio 2011 offre l’occasione per una riflessione sull’istituto della mediazione obbligatoria e sull’ambito di applicazione del nuovo strumento conciliativo.
Il Tribunale si pronuncia sull’applicabilità della nuova disciplina sulla mediazione civile alle procedure esecutive e, nello specifico, al giudizio incidentale di divisione.

A tal proposito, si ricorda che, ai sensi dell’art. 5 comma 1 del DLgs. 28/2010, le parti sono obbligate a esperire il procedimento di mediazione prima di adire le vie giudiziali per la risoluzione delle controversie relative a determinate materie (fra queste, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende). In questi casi, il tentativo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU