X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Le operazioni prive di adeguate garanzie chiamano in causa il collegio sindacale

Il Tribunale di Prato individua una serie di ipotesi nelle quali il controllo di legalità sostanziale dei sindaci non risulta correttamente effettuato

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 2 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il collegio sindacale che – a fronte di concessione di finanziamenti a società controllate in perdita, invio di un ammontare particolarmente elevato di merci ad un cliente e vendita di un immobile sociale in assenza di apposite garanzie, affitto d’azienda deliberato in presenza di conflitto di interessi in capo a due componenti del cda – non attiva i poteri ad esso riconosciuti, risponde, in solido con gli amministratori, dei danni derivati alla società.
Sono queste le indicazioni desumibili dalla sentenza 14 settembre 2012 del Tribunale di Prato.

Con riferimento al controllo sull’amministrazione – premette la sentenza in commento – la legge impone, in primo luogo, al collegio sindacale il dovere di controllare l’osservanza della legge e dello statuto non solo da parte dell’organo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU