X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Favor rei «difficile» per l’indicazione dei costi black list

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 29 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il secondo comma dell’art. 3 del DLgs. 472/97 enuncia un principio fondamentale in tema di sanzioni amministrative, il c.d. favor rei, stabilendo che “se la legge in vigore al momento in cui è stata commessa la violazione e le leggi posteriori stabiliscono sanzioni di entità diversa, si applica la legge più favorevole, salvo che il provvedimento di irrogazione sia divenuto definitivo”.

Detto postulato torna operante altresì nelle ipotesi in cui si passi da una sanzione “impropria” a una sanzione reale, come nel caso dei costi black list, la cui omessa indicazione in dichiarazione era “punita”, prima della Finanziaria 2007, con l’indeducibilità della posta, e dopo con la sanzione pari al 10% dell’importo complessivo delle spese e dei componenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU