X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Soggette a contributo integrativo le parcelle ai soggetti non residenti

Maggiorazione dovuta indipendentemente dall’indicazione in fattura e/o dall’effettiva riscossione

/ Marco PEIROLO

Mercoledì, 30 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Da quest’anno, nel volume d’affari complessivo, che per la Cassa dei Dottori commercialisti rappresenta la base di calcolo del contributo integrativo del 4%, rientrano anche le parcelle emesse a soggetti non stabiliti in Italia, indipendentemente dall’indicazione del contributo in fattura e/o dalla sua effettiva riscossione.
Il chiarimento, in linea con quanto già riportato su queste colonne (si veda “Fattura con contributo integrativo per le prestazioni extraterritoriali” del 18 gennaio 2013), è stato fornito dalla Cassa dei dottori commercialisti in un comunicato datato 24 gennaio 2013, ma diffuso soltanto ieri a tutti gli iscritti.

È noto che la L. n. 228/2012 (Legge di Stabilità 2013) ha ampliato l’obbligo di emissione della fattura, ora previsto anche ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU