ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le spese di vitto e alloggio non sono compensi in natura per i professionisti

Lo prevede il Ddl. semplificazioni approvato ieri dal Governo, in relazione a tali spese sostenute direttamente dal committente

/ Michela DAMASCO

Giovedì, 20 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande acquistate direttamente dal committente non costituiscono compensi in natura per il professionista, mentre, per le società tra professionisti, disciplinate dalla L. 183/2011, si applica, indipendentemente dalla forma giuridica, anche ai fini IRAP, il regime fiscale delle associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni di cui all’art. 5, comma 3, lett. c) del TUIR.

Queste le due principali novità relative alle professioni e contenute nel Ddl. in materia di semplificazioni che ieri ha incassato il via libera da parte del Consiglio dei Ministri.

Il provvedimento, nelle intenzioni del Governo – come si legge nel comunicato stampa di Palazzo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU