Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

FISCO

Sanzioni «minime» per chi omette la dichiarazione ma paga le imposte

L’Agenzia delle Entrate adotta un’interpretazione favorevole al contribuente, che spinge a «ravvedersi» anche oltre il termine

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Lunedì, 11 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 54 del 2002, al § 17.1, aveva sostenuto che, se il contribuente omette la presentazione della dichiarazione ma, nel contempo, provvede al versamento delle imposte, la sanzione è applicata in maniera “fissa” da 258 a 1.032 euro, che l’art. 1 del DLgs. 471/97 prevede quando la dichiarazione è presentata ma non sono dovute imposte.
In luogo, quindi, della sanzione variabile prevista sempre da tale norma dal 120% al 240% del tributo dovuto.

Ad avviso dell’Agenzia delle Entrate, infatti, se il contribuente omette la dichiarazione e, in sede di ravvedimento operoso, sana solo il mancato versamento delle imposte risultanti dalla medesima, “qualora l’imposta accertata sia stata completamente versata dal contribuente”

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU