X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il proprietario dell’immobile può dedurre la «buonuscita» di negozi e alberghi

Per l’indennità per la perdita di avviamento, principio di cassa per i soggetti non imprenditori e di competenza per le imprese

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 11 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’indennità per la perdita dell’avviamento commerciale, corrisposta dal proprietario degli immobili ad uso industriale, commerciale o alberghiero all’ex conduttore al termine della locazione nella misura di 18 o 21 mensilità del canone, rappresenta (salvo poche eccezioni) un onere deducibile per il soggetto che lo sostiene, seppure con modalità diverse a seconda del singolo soggetto d’imposta.

Se il proprietario dell’immobile è una persona fisica non imprenditore, l’indennità pagata all’ex conduttore rappresenta un onere deducibile dal reddito complessivo a norma dell’art. 10 comma 1 lett. h) del TUIR, da indicare nel quadro RP del modello UNICO PF (nel modello UNICO 2013 PF, l’indennità doveva essere indicata nel rigo RP26, con il codice ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU