Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il collaudo non sempre determina l’esercizio di competenza

Se il contratto d’appalto prevede ulteriori prestazioni dopo il collaudo, il costo va dedotto quando anche queste ultime sono terminate

/ Alessandro BORGOGLIO

Martedì, 5 agosto 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La data del collaudo dell’opera fornita in esecuzione di un contratto di appalto avente ad oggetto prestazioni di servizi non individua il periodo di competenza, ai fini della deduzione del costo dell’opera, se successivamente a tale collaudo sono state poste in essere ulteriori prestazioni contrattualmente previste. È quanto si desume dalla sentenza della Corte di Cassazione n.  16823/2014.

L’art. 109, comma 2 del TUIR dispone che, ai fini della determinazione dell’esercizio di competenza, i corrispettivi delle prestazioni di servizi si considerano conseguiti, e le spese di acquisizione dei servizi si considerano sostenute, alla data in cui le prestazioni sono ultimate.
Per quanto concerne, poi, il contratto di appalto, ai sensi dell’art. 1665 c.c., esso si considera ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU