X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Madre-figlia per la Svizzera con regole specifiche

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 10 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’applicazione del regime di esenzione da ritenuta dei dividendi “in uscita” percepiti da società di capitali non residenti denominato “madre-figlia” è possibile anche in caso di società partecipanti svizzere.
Questo per effetto dell’Accordo tra la Comunità e la Confederazione svizzera pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE del 29 dicembre 2004, il quale non necessita di recepimento nazionale e possiede un’efficacia diretta nel nostro ordinamento. Infatti, con riferimento ad alcune specifiche materie, la Comunità europea ha il potere di concludere Trattati internazionali con Stati terzi, seguendo la procedura disciplinata dall’art. 300 del Trattato CE. Detti Trattati hanno valore vincolante per gli Stati membri, a prescindere dall’eventuale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU