X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Operazioni di scissione a rischio distrazione

Rileva la destinazione del patrimonio alla società risultante dalla scissione, conservandosi, in capo alla scissa, solo debiti e beni gravati da ipoteche

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 13 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Integra la fattispecie di bancarotta fraudolenta impropria per distrazione (ex artt. 216 e 223 del RD 267/42) la scissione nella quale la società scissa, poi fallita, resti titolare di sole posizioni debitorie e di immobili gravati da ipoteche per importi rilevanti, e la società risultante dalla scissione risulti destinataria dell’intero patrimonio immobiliare “libero” da ipoteche, con successivo passaggio dello stesso ad altra società. Rispetto a simile operazione nessun rilievo è possibile attribuire al vincolo di solidarietà della società beneficiaria per i debiti della società scissa previsto dall’art. 2506-quater c.c.

Ad affermarlo è la sentenza del 9 ottobre 2014 n. 42272 della Cassazione – già oggetto di commento, per differenti profili, su Eutekne.info (si veda ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU