X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

Stabile organizzazione come criterio per l’esterovestizione

Inoltre, il profitto assoggettabile alla confisca per equivalente è integrato da qualsiasi vantaggio patrimoniale derivante dall’imposta evasa

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 24 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dal combinato disposto dell’art. 5 del DLgs. 74/2000 e dell’art. 73 del TUIR si aprono le porte alla nozione di “esterovestizione” e di “stabile organizzazione”. Nel caso di specie affrontato dalla Cassazione con la sentenza n. 3307 depositata ieri, viene affrontata una questione che tocca una duplice problematica: quella dell’omessa dichiarazione in caso di società aventi sede legale all’estero e quella della valutazione dell’imposta evasa in funzione del conseguente sequestro preventivo per equivalente.

L’amministratore di fatto di diverse società, aventi sede legale fuori dal territorio nazionale, era stato imputato dei reati di cui all’art. 416 c.p. (“associazione per delinquere”) e all’art. 5 DLgs. 74/2000 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU