X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La Cassazione delimita il «profitto» della sottrazione fraudolenta

Sequestro per equivalente in funzione della successiva confisca anche per la «prima casa», non rilevando le limitazioni di cui all’art. 76 del DPR 602/73

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 12 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

È il sequestro per equivalente del profitto di reati tributari, come sempre più spesso accade, il filo conduttore di quattro sentenze depositate ieri dalla Suprema Corte.

Le sentenze nn. 10187/2015 e 10214/2015, innanzitutto, sottolineano come l’oggetto giuridico del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte (art. 11 del DLgs. 74/2000) non sia il diritto di credito del Fisco, ma la garanzia generica data dai beni dell’obbligato (Cass. n. 36290/2011). Di conseguenza, la consumazione del reato non presuppone, né, di per sé, prova, l’integrazione di delitti in materia di dichiarazione fiscale. Non può, inoltre, farsi luogo al sequestro finalizzato alla confisca per equivalente quando i beni fraudolentemente sottratti siano stati interamente recuperati mediante ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU