Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Investimenti svizzeri al test CFC «black»

La disciplina dovrebbe trovare applicazione anche ai redditi relativi al 2015, seppur su presupposti diversi da quelli passati

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Lunedì, 18 gennaio 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli interventi in tema di controlled foreign companies, susseguitisi a un ritmo quasi frenetico nel corso degli ultimi mesi, meritano un particolare commento con riguardo ai redditi conseguiti da investimenti controllati detenuti in Svizzera da contribuenti residenti in Italia, nel periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2015.

Per inquadrare al meglio la questione, è necessario procedere con ordine. L’art. 167 del TUIR, nella sua declinazione “black”, trova applicazione con riferimento alle società, imprese o enti controllati dal nostro Paese e residenti o localizzati in Stati o territori a regime fiscale “privilegiato”: tale qualifica era originariamente riservata alle giurisdizioni con un livello di tassazione “sensibilmente inferiore” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU