X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessazione di attività non comunicata senza sanzione e senza codice tributo

Dopo le modifiche all’art. 35 comma 15-quinquies del DPR 633/1972 da parte del decreto fiscale l’Agenzia delle Entrate sopprime il codice tributo

/ REDAZIONE

Venerdì, 20 gennaio 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le novità introdotte dal decreto fiscale alla disciplina della chiusura delle partite IVA inattive hanno portato l’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 7 di ieri, a sopprimere, dal 1° febbraio 2017, il codice tributo “8120” dedicato alla sanzione per omessa presentazione della dichiarazione di cessazione dell’attività.

Il codice tributo era stato istituito con la risoluzione n. 35 del 3 aprile 2014, per versare la sanzione per omessa presentazione della dichiarazione di cessazione di attività da parte dei soggetti titolari di partita IVA con F24 versamenti con elementi identificativi e F24 Enti pubblici. La normativa allora in vigore, infatti, disponeva l’automatica iscrizione a ruolo della sanzione per omessa presentazione della dichiarazione di fine attività ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU