X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

IL CASO DEL GIORNO

Trasferimento della sede all’estero insensibile alle variazioni di aliquota

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA e Gianluca ODETTO

Sabato, 28 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il trasferimento all’estero della residenza dell’impresa italiana prevede, di regola, il realizzo a valore normale dei componenti il complesso aziendale, con la sola eccezione di quelli confluiti in una stabile organizzazione italiana.

Questa regola trova un’eccezione nell’art. 166 comma 2-quater del TUIR, a norma del quale, ove il trasferimento abbia luogo verso paesi dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo “collaborativo”, è possibile chiedere “una sospensione degli effetti del realizzo”: tale previsione, frutto di un consolidato orientamento della Corte di Giustizia circa l’incompatibilità di un diverso sistema con il principio di libertà di stabilimento sancito dall’art. 49 del Trattato di funzionamento dell’Unione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU