X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nessuna sanzione per l’esibizione tardiva dei registri contabili

Se non vi è pregiudizio per l’obbligazione tributaria né per l’attività di controllo, la violazione è solo formale

/ Antonio NICOTRA

Sabato, 9 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza n. 14933, depositata ieri, la Corte di Cassazione ritorna sul tema della punibilità delle violazioni meramente formali, stabilendo che l’esibizione tardiva delle scritture contabili ai verificatori, sebbene sia astrattamente idonea a ostacolare l’attività di controllo dell’Amministrazione, non può essere sanzionata in assenza di un concreto pregiudizio per gli organi accertatori.

Nel caso in esame, a seguito di un accesso compiuto nei locali di svolgimento dell’attività aziendale, le Fiamme Gialle non riscontravano la contabilità aziendale in forma cartacea, e provvedevano a comminare le sanzioni di cui agli artt. 6 e 9 del DLgs. 471/97.

A nulla era valso che il contribuente, al momento dell’accesso, aveva presentato alla Guardia di Finanza la contabilità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU