X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Più azioni a tutela dei creditori in caso di fondo patrimoniale «fraudolento»

/ Anita MAURO e Cecilia PASQUALE

Sabato, 9 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito dei rapporti obbligatori, può accadere che il debitore costituisca un fondo patrimoniale (art. 167 c.c.) “abusivo” a cui destini dei beni non al fine di far fronte ai bisogni della famiglia, ma per sottrarli alla sua garanzia patrimoniale.

Il creditore che voglia far valere il carattere fraudolento dell’operazione ha a disposizione, tra gli altri, l’azione revocatoria e l’azione di simulazione. Le due azioni hanno presupposti diversi, che può essere utile indagare per verificarne il diverso ambito applicativo e l’adeguatezza rispetto alla situazione concreta.
L’azione revocatoria può esercitarsi in presenza delle condizioni previste all’art. 2901 c.c., ossia:
- la sussistenza di un rapporto di debito credito tra le parti;
- ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU