X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nessuna revoca del concordato per liti pendenti durante l’omologa

In presenza di coperture a tutela dei creditori, gli atti del debitore non sono fraudolenti

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 23 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 26646 depositata ieri, la Corte di Cassazione, trattando in tema di atti fraudolenti idonei alla revoca del concordato preventivo, ha disposto che l’esistenza di contenziosi pendenti di cui sia parte la società debitrice, anche se avviati nel corso della procedura e senza le autorizzazioni previste per gli atti di straordinaria amministrazione, non incidono negativamente sul patrimonio del debitore e non implicano la revoca del concordato, se dotate di adeguate coperture.

La rinuncia ai compensi per le controversie pendenti da parte dei legali della debitrice, oltreché l’esistenza di un fondo rischi di sopravvivenze passive per il caso di soccombenza e l’assunzione da parte dei soci – nel caso di incapienza del fondo – dell’obbligo di corrispondere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU