X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 11.18

FISCO

Omesse ritenute non punibili solo se si prova l’assoluta impossibilità di pagare

La Cassazione torna a escludere che le difficoltà economiche in cui versa il soggetto agente possano integrare la forza maggiore penalmente rilevante

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 22 gennaio 2019

La crisi di liquidità può escludere la rilevanza penale dell’omesso versamento delle imposte solo quando integri una causa di forza maggiore alla quale “non si può resistere” (vis cui resisti non potest), nel senso che non esistono alternative al “non pagamento”.
La Corte di Cassazione ha colto l’occasione – nella sentenza n. 2565 depositata ieri – per tornare sulla definizione di “forza maggiore” in un caso in cui al datore di lavoro veniva contestata l’omissione del versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali ai sensi dell’art. 2 comma 1-bis del DL 463/1983.
Tale norma prevede oggi la reclusione fino a tre anni e la multa fino a 1.032 euro per l’omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali per un

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU