X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il «consultant» non è per forza lavoratore autonomo

Nella qualificazione del contratto per prestazioni all’estero sono rilevanti i fogli di presenza con i giorni di lavoro, nonché i periodi di ferie da concordare

/ Anita MAURO e Gianluca ODETTO

Sabato, 2 marzo 2019

Nella sentenza n. 6117, depositata ieri, la Corte di Cassazione esamina, tra il resto, la questione della corretta qualificazione del contratto di lavoro stipulato dal soggetto residente in Italia, con datore di lavoro estero, per prestazioni da svolgere all’estero.
Il tema presenta rilevante interesse, tenuto conto della difficoltà di ricondurre contratti stranieri alle categorie del diritto italiano.
Nel caso di specie, in particolare, si discuteva se i contratti stipulati da un soggetto (ritenuto dalla Corte fiscalmente residente in Italia), con varie imprese estere, aventi ad oggetto prestazioni rese all’estero, dovessero essere qualificati come contratti di lavoro autonomo o come contratti di lavoro dipendente.

La Corte, in primo luogo, ricorda che la qualificazione del contratto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU