X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non basta la sinergia con la struttura sanitaria perché sia dovuta l’IRAP

La Cassazione interviene di nuovo per individuare quando l’organizzazione è autonoma esaminando il caso di un chirurgo

/ Romina MORRONE

Giovedì, 18 aprile 2019

Il medico che si avvale di quattro sale operatorie nell’ambito di strutture organizzative di terzi, utilizzando personale che lo coadiuva durante l’attività operatoria, non deve assoggettare a IRAP i suoi proventi se tali strutture sanitarie non sono “autonome”, cioè non fanno capo al professionista né ai fini operativi, né per i profili organizzativi. Lo ha ribadito la Cassazione con l’ordinanza n. 8413/2019.

Un chirurgo, specializzato in ortopedia e traumatologia, ha impugnato il silenzio rifiuto opposto dall’ufficio all’istanza di rimborso dei versamenti IRAP 2010, sostenendo di non essere soggetto a tale imposta poiché la propria attività professionale era svolta in assenza di struttura organizzativa.
La Commissione tributaria provinciale lo ha rigettato, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU