X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Valore minimo del terreno rivalutato in caso di conferimento in società

/ Anita MAURO

Giovedì, 18 aprile 2019

A norma dell’art. 7 comma 6 della L. 448/2001, la “rideterminazione del valore di acquisto dei terreni edificabili e con destinazione agricola di cui ai commi da 1 a 5 costituisce valore normale minimo di riferimento ai fini delle imposte sui redditi, dell’imposta di registro e dell’imposta ipotecaria e catastale”.

La norma vincola il contribuente a utilizzare il valore definito dalla perizia di rivalutazione come “valore minimo di riferimento” nella definizione della base imponibile dell’imposta di registro sugli atti riguardanti l’immobile rivalutato.
L’Amministrazione finanziaria ha chiarito (ris. n. 53/2015) che è possibile cedere il terreno ad un corrispettivo inferiore al valore di perizia, senza perdere il vantaggio fiscale per

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU