X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 20 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Impossibile inviare un contributo sugli esoneri dai corrispettivi telematici

Sabato, 20 aprile 2019

Gentile Direttore,
non solo l’Agenzia delle Entrate ma anche il Ministero si prodiga nel venire incontro ai contribuenti proponendo più volte attività di “trasparenza” e “collaborazione”.
Una di queste è la possibilità di inoltrare documentazione circa richiesta di esonero dai corrispettivi telematici. Infatti, è di prossima pubblicazione un apposito decreto, come previsto dalla norma che ha introdotto l’obbligo di certificazione telematica dei corrispettivi, circa i soggetti o le attività esonerate da questa nuova incombenza.

Bene: per venire incontro ai cittadini è stata predisposta apposita pagina sul sito del MEF (https://www1.finanze.gov.it/finanze2/servizi/n_consult_newDF/consulta.php?id=2301&step=0) ove associazioni di categoria degli operatori economici interessati possono inoltrare istanze e osservazioni ENTRO e NON OLTRE il 26 aprile.
Peccato che tale servizio dalla sua data di apertura (12 aprile) non sia MAI stato in funzione: dopo aver compilato tutti i campi si ottiene un laconico “Si è verificato un problema con l’invio del contributo, si prega di riprovare più tardi.”

Il sottoscritto non solo opera come professionista, ma come responsabile fiscale di una associazione di categoria particolarmente sensibile a questo nuovo obbligo e si trova quindi nell’esigenza di inviare una ben dettagliata e circostanziata istanza di esonero.
Dal 12 aprile, tutti i giorni, mi collego al sito e compilo tutti i campi, ma ogni santo giorno ottengo la solita comunicazione “Si prega di riprovare più tardi”.
Ho provato ovviamente con diversi browser e anche da diversi uffici (casomai il problema fosse generato dalla mia postazione): eppure niente.

Il “Fisco amico” è solo di facciata?


Giulio Benedetti
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

TORNA SU