X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Fissati i requisiti delle attività di agricoltura sociale

L’obiettivo è migliorare il welfare rurale e far emergere la multifunzionalità delle imprese agricole nel campo dei servizi alla persona

/ Tiziana DI GANGI

Lunedì, 26 agosto 2019

Sul sito del MIPAAFT è disponibile il DM 21 dicembre 2018 n. 12550, che definisce i requisiti minimi e le modalità relative alle attività di agricoltura sociale di cui all’art. 2, comma 1 della L. n. 141/2015. Questa legge ha riconosciuto che le attività esercitate dall’imprenditore agricolo, per favorire l’integrazione nell’agricoltura di pratiche rivolte alla terapia e alla riabilitazione delle persone diversamente abili, nonché all’inserimento lavorativo e, quindi, all’inclusione sociale di soggetti svantaggiati, sono da considerarsi a tutti gli effetti attività connesse, ai sensi del terzo comma dell’art. 2135 c.c. Non a caso la normativa precisa che per agricoltura sociale si intendono le attività esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all’art.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU