X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 14 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Si rileva solo dopo l’accettazione il credito per la riqualificazione energetica

La procedura per la cessione del credito corrispondente alla detrazione non consente di dare rilievo alla data della cessione

/ Silvia LATORRACA

Venerdì, 26 luglio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La cessione, disciplinata dall’art. 14 del DL 63/2013, del credito corrispondente alla detrazione prevista dall’art. 1 commi 344-349 della L. 296/2006 per le spese sostenute in relazione a determinati interventi di riqualificazione energetica su edifici esistenti produce rilevanti conseguenze dal punto di vista contabile.

Il provv. Agenzia delle Entrate n. 100372/2019 stabilisce che, qualora il credito d’imposta sia ceduto in favore dei fornitori dei beni/servizi necessari alla realizzazione degli interventi di riqualificazione energetica agevolabili, la fattura emessa debba comprendere anche l’importo relativo alla detrazione ceduta sotto forma di credito d’imposta.
La recente risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 309/2019 ha chiarito che l’IVA ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU