X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Controllo pubblico congiunto solo se c’è coordinamento formale

/ Edoardo MORINO

Martedì, 30 luglio 2019

Il controllo di cui all’art. 2 comma 1 lett. b) e m) – recanti, rispettivamente, le definizioni di “controllo” e di “società a controllo pubblico” – del DLgs. 175/2016 (c.d. “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica”) è configurabile anche al di là delle ipotesi previste dall’art. 2359 c.c., cioè anche in caso di controllo congiunto, purché la volontà delle pubbliche amministrazioni facenti parte della compagine sociale risulti ricondotta a unanimità mediante il coordinamento assicurato da norme di legge, da clausole statutarie o da patti parasociali.
Così si esprime l’atto di indirizzo formulato il 12 luglio 2019 dall’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli enti locali.

L’art. 2 comma 1 lett. m) del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU