X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 11.18

LAVORO & PREVIDENZA

Si torna al vecchio calcolo del danno differenziale INAIL

La L. n. 145/2018 aveva modificato il meccanismo di rivalsa col rischio che si riducesse il complessivo risarcimento: ora la norma è stata abrogata

/ Fabrizio VAZIO

Lunedì, 29 luglio 2019

L’art. 1, comma 1126, lett. a) b) c) d) e) f) della L. 145/2018 (legge di bilancio 2019) aveva introdotto significative modifiche alla formulazione degli artt. 10 e 11 del DPR 1124/65.
La norma, infatti, aveva inciso sui criteri di calcolo del danno c.d. “differenziale”. L’innovazione legislativa andava a cancellare quanto precedentemente ritenuto con giurisprudenza ormai pacifica dalla Cassazione, ovvero che in tema di liquidazione del danno biologico differenziale, di cui il datore di lavoro è chiamato a rispondere nei casi in cui opera la copertura assicurativa INAIL, doveva essere operato un computo per poste omogenee.
Di conseguenza, dall’ammontare complessivo del danno biologico, andava detratto non già il valore capitale dell’intera rendita costituita

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU