X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la TARI rileva la superficie calpestabile

Il Comune può considerare come superficie assoggettabile quella pari all’80% della superficie catastale determinata coi criteri del DPR n. 138/98

/ Antonio PICCOLO

Mercoledì, 24 luglio 2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta a interpello n. 306 di ieri, ha chiarito che attualmente ai fini della TARI (tassa sui rifiuti) la superficie delle unità immobiliari a destinazione ordinaria, classificate o classificabili nelle categorie dei gruppi catastali A, B e C, assoggettabile al tributo è costituita da quella calpestabile dei locali e delle aree suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati. Si tratta del contenuto della disposizione di cui all’art. 1, comma 645 della L. n. 147/2013 (legge di stabilità 2014).

L’istante, dopo avere menzionato il contenuto dei commi 645 e 646 della citata legge di stabilità 2014 (che ha introdotto nel sistema tributario la TARI), ha chiesto chiarimenti all’Agenzia delle Entrate per la corretta determinazione della superficie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU