X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Revocabile la vendita di beni effettuati dall’imprenditore poi fallito

Confermata la teoria distributiva per la quale il pregiudizio è insito nella lesione della par condicio creditorum

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 29 ottobre 2019

Con l’ordinanza n. 27443, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha rimarcato l’orientamento secondo il quale, ai fini della revoca della vendita di beni effettuata dall’imprenditore successivamente fallito, l’eventus damni è in re ipsa e consiste nel fatto stesso della lesione della par condicio creditorum, ricollegabile, per presunzione legale assoluta, all’uscita del bene dalla massa conseguente all’atto di disposizione.

Nel caso di specie, la curatela del fallimento agiva in revocatoria ex art. 67 del RD 267/42 per il pagamento eseguito dal debitore in favore della banca creditrice con denaro proveniente dalla vendita del bene immobile, ipotecato (peraltro) a favore della stessa banca.

Secondo la banca, poiché il pagamento era stato eseguito in favore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU