X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Vendite a distanza «sopra soglia» con emissione della fattura

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Venerdì, 6 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le vendite a distanza, effettuate nei confronti di soggetti “privati” stabiliti in un altro Stato membro dell’Unione europea sono:
- di regola, soggette a IVA nello Stato del cessionario;
- soggette a IVA nello Stato del cedente, qualora l’ammontare delle vendite a distanza effettuate dal cedente nello Stato del cessionario sia inferiore a una specifica soglia stabilita da quest’ultimo Stato (è fatta salva, comunque, la facoltà per il cedente di applicare l’imposta nell’altro Stato).

Sotto il profilo documentale, la normativa interna contempla l’esonero dall’obbligo di emissione della fattura per “le cessioni di beni effettuate per corrispondenza, a domicilio o in forma ambulante” (art. 22 comma 1 n. 1 del DPR 633/72).
Le vendite

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU