X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Note di variazione per la correzione delle fatture dei forfetari

I nuovi documenti emessi devono recare l’addebito dell’IVA in rivalsa e l’esposizione della ritenuta d’acconto

/ Paola RIVETTI

Mercoledì, 27 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le fatture erroneamente emesse in applicazione del regime forfetario (ex L. 190/2014) possono essere corrette tramite il ricorso a note di variazione, addebitando a titolo di rivalsa l’IVA da versare all’Erario ed esponendo la ritenuta d’acconto (ove dovuta). Nell’affermare il principio, le risposte interpello Agenzia delle Entrate n. 499 e n. 500, pubblicate ieri, esaminano le conseguenze in merito alle ritenute e all’IVA rispetto ad una particolare ipotesi in cui le fatture elettroniche, correttamente “riemesse” in regime ordinario, vengano “rifiutate” dal destinatario.

Nella fattispecie oggetto di interpello, un contribuente ha applicato nel 2019 il regime forfetario, ritenendo erroneamente di averne i requisiti, e, nei primi mesi dell’anno, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU