X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Torna la nomina «politica» del Presidente dei revisori degli enti locali

Il Ddl. di conversione del decreto fiscale introduce anche gli elenchi su base provinciale. Critici i commercialisti

/ REDAZIONE

Mercoledì, 11 dicembre 2019

La norma, inserita con un emendamento nel decreto fiscale, che modifica i criteri di nomina dei revisori degli enti locali, non convince i commercialisti.
Il Ddl. di conversione del DL 124/2019, approvato alla Camera e trasmesso in Senato, prevede nello specifico che il Presidente del collegio dei revisori venga nominato, con una votazione a maggioranza assoluta dei membri, dall’organo politico che guida l’ente locale. In più, cambia il bacino di riferimento da cui estrarre i revisori, con elenchi che verranno redatti su base provinciale e non più su base regionale.

“Non condividiamo nella maniera più assoluta questo ritorno al passato”, commenta il Vicepresidente del CNDCEC delegato alla materia, Davide Di Russo, che già all’indomani della presentazione dell’emendamento

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU