X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Frode informatica da precisare

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 17 febbraio 2020

I confini tra le fattispecie penali non sempre si presentano nitidi. Un chiaro esempio di tale situazione si riscontra con riguardo ai reati di frode informatica, di cui all’art. 640-ter c.p., e di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e di pagamento, di cui all’art. 493-ter c.p.

Il primo punisce con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 a 1.032 euro chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, procuri a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno. La pena è della reclusione da due a sei anni e della multa da 600 a 3.000 euro se il fatto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU