X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Lo skipper non può essere un lavoratore domestico

Per l’INL l’attività lavorativa svolta su imbarcazioni determina l’inquadramento del lavoratore nel ruolo della gente di mare

/ Mario PAGANO

Sabato, 15 febbraio 2020

Lo “skipper” impiegato in imbarcazioni da diporto non è inquadrabile come lavoratore domestico. Questo è quanto emerge dal parere INL n. 1366/2020 del 13 febbraio scorso, con il quale l’Ispettorato nazionale del Lavoro ha fornito chiarimenti ad un proprio ufficio territoriale, il quale si interrogava sulla possibilità di assumere tale figura lavorativa con la tipologia contrattuale del lavoro domestico.

Si ricorda che il lavoro domestico è individuato normativamente dall’art. 1 della L. 339/58, il quale definisce come addetti ai servizi personali domestici i lavoratori di ambo i sessi che prestano a qualsiasi titolo la loro opera per il funzionamento della vita familiare, sia che si tratti di personale con qualifica specifica sia che si tratti di personale adibito a mansioni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU