X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

FISCO

Per l’accertamento di maggior valore per il registro i valori OMI non bastano

L’iscrizione ipotecaria non configura elemento grave, preciso e concordante

/ Anita MAURO

Mercoledì, 19 febbraio 2020

I valori OMI non costituiscono fonte tipica di prova del maggior valore venale dell’immobile compravenduto, ai fini dell’accertamento in rettifica del valore immobiliare per l’imposta di registro, ipotecaria e catastale.
Nè, a tal fine, configura prova il valore di iscrizione ipotecaria derivante dal mutuo richiesto dall’acquirente per l’acquisto. Lo afferma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 4076, depositata ieri.

Nel caso esaminato, l’Agenzia delle Entrate aveva rettificato il valore dichiarato, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro e delle imposte ipotecaria e catastali, all’atto di compravendita immobiliare di un negozio, in base ai valori OMI ed al valore di iscrizione ipotecaria necessaria per l’ottenimento

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU