X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

LAVORO & PREVIDENZA

Lo smart working per coronavirus non è un obbligo per l’azienda

Per l’attivazione dell’istituto deve sussistere l’incontro della volontà delle parti

/ Elisa TOMBARI

Venerdì, 28 febbraio 2020

Il lavoro agile nelle sei Regioni colpite da coronavirus (COVID-19) non può essere attivato a prescindere dall’incontro della volontà del datore di lavoro e del lavoratore. È solo uno dei chiarimenti forniti ieri nell’approfondimento con il quale la Fondazione studi Consulenti del Lavoro ha provato a far luce sui dubbi emersi circa le conseguenze dell’epidemia sui rapporti di lavoro.

L’art. 1, lett. o) del DL 6/2020, recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19” – il cui Ddl. di conversione in legge, già approvato dalla Camera, sarà in discussione al Senato il prossimo 4 marzo – ha previsto, tra le misure di contenimento adottabili dalle autorità competenti, la “sospensione o limitazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU