X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

IMPRESA

Reato per conguagli fittizi presentati all’INPS solo se si supera la soglia

Per l’indebita percezione di erogazioni le dichiarazioni presentate con il modello DM10, singolarmente considerate, devono superare 3.999,96 euro

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 28 febbraio 2020

Il datore di lavoro che, con la fittizia esposizione di somme corrisposte al lavoratore a titolo di indennità per maternità, malattia, assegni familiari, effettui il conguaglio di tali somme con quelle dovute all’ente previdenziale integra il delitto di cui all’art. 316-ter comma 1 c.p., sempre che le dichiarazioni presentate con il modello DM10, singolarmente considerate, superino la soglia di punibilità (3.999,96 euro) prevista dalla fattispecie. La Cassazione ha confermato questo principio di diritto con la sentenza n. 7963 depositata ieri.

Nel caso di specie, i giudici di merito avevano ritenuto la responsabilità, per il reato di cui all’art. 316-ter c.p. (“Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato”), del rappresentante legale di una srl per avere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU