X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Misure premiali per i reati di bancarotta nel Codice della crisi

La vera innovazione per l’imprenditore, che tempestivamente fa emergere la crisi, è l’introduzione di una causa di non punibilità

/ Saverio MANCINELLI

Lunedì, 13 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le fattispecie di reati contenuti nel titolo IX (rubricato “Disposizioni penali”) del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (in breve CCII), recato dal DLgs. 14/2019, in vigore dal 1° settembre 2021, sono in perfetta continuità con le norme del RD 16 marzo 1942 n. 267 (legge fallimentare), contenendo solo l’aggiornamento lessicale dovuto all’eliminazione dei termini “fallito” e “fallimento”.

Nel contempo, resta immutato il sistema sanzionatorio “ordinario” per i reati connessi all’insolvenza dell’impresa, con possibilità ai sensi dell’art. 326 del CCII sia di circostanze aggravanti, nel caso in cui i fatti di bancarotta abbiano cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità (con aumento delle

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU