X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

La tardiva asseverazione nega il «sismabonus acquisti»

/ REDAZIONE

Giovedì, 6 agosto 2020

x
STAMPA

Con riguardo all’agevolazione spettante ai sensi del comma 1-septies dell’art. 16 del DL 63/2013 (c.d. “sismabonus acquisti”), nella risposta a interpello 5 agosto 2020 n. 244, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che:
- gli acquirenti possono fruire della detrazione anche per gli interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, allo scopo di ridurne il rischio sismico, anche con variazione volumetrica rispetto all’edificio preesistente. Vi rientrano gli interventi che determinano un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente, sempreché le disposizioni normative urbanistiche in vigore permettano tale variazione;

- l’asseverazione tardiva non consente l’accesso alla detrazione. Se l’asseverazione non è stata presentata in sede di richiesta del titolo abilitativo urbanistico presso lo sportello unico competente (ai sensi dell’art. 3 del DM 28 febbraio 2017 n. 58), agli acquirenti delle unità immobiliari non spetta la detrazione fiscale prevista dal comma 1-septies in argomento.

TORNA SU