X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Modifiche al decreto Ristori per il rinvio delle scadenze in caso di malattia

L’emendamento, se approvato, andrebbe a colmare il «vuoto normativo» di cui ha parlato anche l’Agenzia per escludere la causa di forza maggiore

/ Savino GALLO

Giovedì, 26 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il “vuoto normativo” in materia di differimento delle scadenze in caso di malattie professionali, a cui ha fatto riferimento l’Agenzia delle Entrate nel negare la causa di forza maggiore per quei contribuenti che non possono far fronte agli adempimenti fiscali per la quarantena dello studio professionale di cui sono clienti (si veda “Non integra la forza maggiore la quarantena dello studio professionale” di oggi), potrebbe essere colmata a breve.

Nei giorni scorsi, infatti, i Senatori Conzatti e Comincini, su richiesta del Consiglio nazionale dei commercialisti, hanno presentato un emendamento al DL Ristori che prevede la “sospensione per 30 giorni dei termini per gli adempimenti tributari, previdenziali e assistenziali, nonché per il compimento di qualsiasi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU