X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Il rapporto dei rider può essere subordinato

Il Tribunale di Palermo ha qualificato il rapporto di lavoro di un ciclofattorino come subordinato, tutelato anche per quanto riguarda il licenziamento

/ Luca NEGRINI

Giovedì, 26 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I rider continuano ad essere al centro dell’attenzione, non solo a livello amministrativo e sindacale, come testimoniato dalla due recenti circolari dell’INL n. 7/2020 e del Ministero del Lavoro n. 17/2020, pubblicate nell’arco dell’ultimo mese, ma anche sul piano giudiziario, da ultimo con la sentenza del Tribunale di Palermo del 24 novembre scorso.

Una pronuncia che in qualche misura si pone nel solco delle precedenti decisioni della magistratura, ma che fa un deciso passo avanti rispetto ad esse, in quanto ha riconosciuto la natura subordinata del rapporto di lavoro di un ciclofattorino che prestava la sua attività per la Glovo, uno dei più diffusi operatori del settore.

Infatti, fino ad ora la giurisprudenza italiana aveva negato che il rapporto dei rider fosse qualificabile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU