X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Dolo necessario per il reato d’impiego di lavoratori senza permesso di soggiorno

L’elemento soggettivo è determinante anche in caso di sussistenza dell’elemento oggettivo del reato

/ Mario PAGANO

Venerdì, 29 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per la punibilità del reato previsto per l’impiego di lavoratori privi di valido permesso di soggiorno, è necessario il dolo del datore di lavoro, ossia la piena consapevolezza da parte di quest’ultimo dello status di illegalità del lavoratore impiegato. Questo è quanto emerge dalla recente sentenza n. 675/2020 del Tribunale di Rovigo, che focalizza un profilo, quello soggettivo, tutt’altro che irrilevante per la responsabilità penale, derivante da tale delicata fattispecie.

Secondo l’art. 22 comma 12 del DLgs. 286/98, il datore di lavoro che occupa alle proprie dipendenze lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno, rilasciato per motivi di lavoro, ai sensi dello stesso art. 22, ovvero il cui permesso sia scaduto e del quale non sia stato chiesto, nei termini ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU