ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Domande ultratardive nel fallimento entro un anno dalla maturazione del diritto

Termine decadenziale per la validità dell’insinuazione dei crediti sopravvenuti

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 18 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sorte dei creditori ammessi a partecipare al concorso nelle procedure fallimentari è regolato, in via generale, dall’impianto normativo oggi ancorato all’art. 101 del RD 267/42, il quale individua tassativamente il termine di “non oltre [...] dodici mesi dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo” (salvo proroga fino a 18 mesi) affinché le domande possano essere tardive, sanzionando il ritardo con la dichiarazione c.d. di “ultratardività” e di esclusione dal concorso. In detto contesto, una posizione di rilievo assume la sorte di quei creditori che abbiano visto nascere il diritto alla partecipazione in un momento successivo a quello della sentenza dichiarativa di fallimento, per i quali si pone un problema temporale di valutazione di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU