X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per cessione e sconto delle detrazioni edilizie non basta sostenere la spesa

L’opzione per le spese sostenute nel 2020 deve riguardare lavori che sono già stati effettuati secondo il SAL

/ Enrico ZANETTI e Arianna ZENI

Venerdì, 9 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi del comma 1 dell’art. 121 del DL 34/2020, le opzioni per la cessione del credito di imposta o lo sconto sul corrispettivo, in luogo della fruizione delle detrazioni “edilizie” a scomputo dell’imposta lorda in sede di dichiarazione dei redditi, possono avere per oggetto le spese sostenute per gli interventi elencati nel successivo comma 2 che siano state sostenute nel 2020 o nel 2021 (2022 nel caso spetti il superbonus del 110%).

L’individuazione del momento del sostenimento della spesa, si ricorda, segue il criterio di competenza economica quando si tratta di imprese, il criterio di cassa quando si tratta di altri soggetti, quali, in primis, persone fisiche “private” e condomìni.
Quanto precede non fa però venire meno il fatto che, anche per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU